Un viaggio esperienziale per conoscere l’Italia e il mondo attraverso l’universo del vino

CONFIDENTIAL

Cuori diVini

Sei ancora la mia opera d’arte preferita

da | 12 Mag 2020 | Confidential

Un uomo del sud con un’eleganza quasi da film americano.

Aristocratico nei modi, Roberto Di Meo è un gentiluomo arguto, attento e calmo. Amante dell’arte, ha reso la sua vita il suo grande capolavoro… un paesaggio bucolico, quello della sua Campania, come sfondo, una tenuta appartenuta ai principi Caracciolo come abitazione e quello che lui stesso definisce “il più bel lavoro del mondo”, quello dell’enologo. Per Roberto l’arte è la comunicazione del bello. Questo lo scopo della sua vita insieme al fratello Generoso: essere ambasciatore culturale di Napoli e della Campania nel mondo.

CHI È ROBERTO DI MEO?

Sono un produttore di vini in Irpinia, un ammiratore delle bellezze naturalistiche della Campania.

TI PIACE LA TUA VITA?

Assolutamente sì. Quello che faccio sempre è una mia libera scelta. Mi ritengo fortunato perché la mia vita si svolge tra vigne, cantine e in giro per il mondo. Cosa potrei volere di più?

QUAL È IL TUO LIBRO PREFERITO?

Confesso che non sono un accanito lettore di libri. Mi piacciono i romanzi capaci di catturarmi, per la trama o per lo stile, un libro da poter leggere tutto d’un fiato. Ho apprezzato molto “Il Profumo”, di Patrick Süskind. Per la storia e perché parla di un senso importantissimo e sottovalutato, l’olfatto, decisivo anche nel settore enologico.

TI RITIENI UN UOMO AFFASCINANTE? PERCHE’?

Mi fai sorridere con questa domanda, comunque sì. Il perché? Me lo dicono gli altri, e io ci credo.

L’EMOZIONE PIÙ FORTE CHE HAI PROVATO?

Vivo di emozioni, con il lavoro che faccio. Produrre vino, realizzare etichette importanti mi crea una grande emozione. Anche alcuni film mi danno forti emozioni, perché li collego a certi periodi della mia vita passata.

VINO ROSSO O BIANCO?

Bianco.

COME TI VESTI DI SOLITO?

Mi piace molto l’abbigliamento classico a prescindere, ma per esigenze lavorative a volte devo puntare sul casual.

PER COSA TI BATTERESTI FINO AL RISCHIO DELLA VITA?

Per le persone cui tengo di più.

PER CHE SQUADRA DI CALCIO TIFI?

Per nessuna, non sono un tifoso.

COSA TI PORTA A STIMARE UNA PERSONA?

Stimo le persone che sono capaci di fornire un contributo alla società con il loro lavoro e la loro creatività.

COS’È PER TE ASSOENOLOGI?

È l’associazione cui appartengo dagli anni Ottanta, ho contribuito a un parte importante della sua crescita. È un’unione chiara e limpida tra professionisti, una grande famiglia che si impegna a far crescere il mondo del vino.

UN’OPERA D’ARTE CHE TI HA EMOZIONATO PARTICOLARMENTE?

Amo l’arte. Tra le varie opere che ammiro quella che ha sicuramente lasciato un segno indelebile è il Vaso Blu, una pregiata anfora vinaria in vetro blu decorata con un’elaborata scena di vendemmia. Un pezzo di inestimabile valore, risalente al primo secolo dopo Cristo. Rinvenuto a Pompei, oggi è conservato nel Museo Archeologico Nazionale di Napoli; lo scorso anno gli ho dedicato anche un Taurasi Riserva, in coproduzione con il MANN.

UNA CANZONE CHE VUOI DEDICARE ALLE DONNE?

Una canzone che mi piace molto è “My Funny Valentine”, quindi la dedico a tutti. È una canzone che tocca corde profondissime per chi la sa ascoltare.

UN AUGURIO CHE VUOI FARE A WINE AND TRAVEL?

Auguro a Wine and Travel di diventare portavoce di eccellenza. È un connubio sensazionale, quello vino- viaggio. Quindi Wine and Travel potrebbe diventare un importante motore per l’enoturismo post Covid-19.

Pin It on Pinterest

Share This