Un viaggio esperienziale per conoscere l’Italia e il mondo attraverso l’universo del vino

Poker d’Assi 48

Poker d'Assi 48
A cura di Luca Gardini
1 Giu, 2021

Per questo Poker d’Assi 48 parto dalla Sicilia per arrivare in Alto Adige.

E allora via con il Poker d’Assi 48, verso le pendici dell’Etna.

FRANK CORNELISSEN

Casa da più di vent’anni di Frank Cornelissen, enologo giramondo che trova nel microclima di Solicchiata (Catania) il luogo idoneo dove fare attecchire la propria idea di viticoltura.

Agricoltura sensibile ai cicli della natura, la sua, con allevamenti di Nerello Mascalese e Cappuccio ma anche autoctoni quasi scomparsi come Grecanico, Francisi e Minnella Bianca e Nera.

In un ecosistema naturale costruito con grande costanza, questo Terre Siciliane IGP Rosso MunJebel BB 2018, che raccoglie la seconda selezione delle vigne destinate al magnifico Magma, è un vino comunque incredibile.

Nerello mascalese in purezza, naso di more di rovo, con tocchi di macchia mediterranea e balsamici, di eucalipto, bocca con tannini graffianti, sferzate officinali e chiusura con ritorno della traccia balsamica.

PIERO BENEVELLI

Arrivo poi di corsa a Monforte d’Alba, a cantina Piero Benevelli, marchio sinonimo di grande tradizione artigianale.

Struttura oggi gestita dal figlio di Piero, Massimo, sempre con gli stessi principi degli esordi: cura biologica in vigna ed espressione massima del cru.

Come questo Barolo DOCG Mosconi 2017, vigneto dalle caratteristiche uniche, collocato in uno dei più rinomati cru di Monforte d’Alba, capace di unire vigore a finezza gustativa.

Fragolina selvatica, peonia, rabarbaro al naso, con chiusura iodata e salmastra.

In bocca teso, con frutto in espansione, equilibrato da una bella vena acida, graffiante, con tannini polverosi.

CANTINA BROGLIA

Ne approfitto per passare a trovare anche i miei amici a Cantina Broglia, una delle firm storiche di Gavi.

La loro sfida alle possibilità espressive del Cortese passa per questo magnifico vino, che ad ogni assaggio mi stupisce: il Gavi del Comune di Gavi DOCG Vecchia Annata 2010, cru davigna La Meirana, invecchiato per più di 7 anni in acciaio.

Bergamotto, albicocca, ricordi di timo cedrino, finale lievemente ammandorlato.

Bocca croccante, densa, di bellissima tensione, persistente e con finale officinale-ammandorlato.

HANS ROTTENSTEINER

Finisco il mio peregrinare a due passi da Bolzano, a cantina Hans Rottensteiner.

Originaria della metà del secolo scorso e tuttora espressione di un meticoloso lavoro svolto sul territorio, capace di creare vini di grande pulizia di fattura.

Come questo Alto Adige Santa Maddalena Classico Rosso DOC 2019.

Blend di Schiava 95% e Lagrein 5%.

Naso di fragoline di bosco con tocchi balsamici, note di sottobosco e menta selvatica, con bocca succosa, ritorno fruttato e salmastro e finale lievemente ammandorlato.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Poker d’Assi 49

Poker d’Assi 49

Nel Poker d’Assi 49 ci muoveremo come di consueto per l’Italia alla ricerca di chicche enologiche extra-ordinarie da raccontarvi.

Poker d’Assi 47

Poker d’Assi 47

Spumeggiante questo Poker d’Assi 47, sempre alla ricerca di nuove illuminanti esperienze vitivinicole da condividervi!

Poker d’Assi 46

Poker d’Assi 46

Per il Poker d’Assi 46 partiamo da oltreconfine, per la precisione dalla Côte de Beaune, a Puligny-Montrachet. Poi rientro in Italia.

Pin It on Pinterest

Share This