Un viaggio esperienziale per conoscere l’Italia e il mondo attraverso l’universo del vino

Poker d’Assi 19

Poker d'Assi 19
A cura di Luca Gardini
14 Gen, 2021

Eccomi di nuovo da voi con il Poker d’Assi 19 e altri quattro, imperdibili vini da provare.

Per questo poker d’Assi 19 altra settimana impegnativa, su e giù per lo Stivale.

VIGNAIOLI SPECOGNA

Quindi senza indugio mi metto in viaggio, per arrivare a Corno di Rosazzo, dagli amici Vignaioli Specogna.

Provo in anteprima il Friuli Colli Orientali Merlot DOC Riserva Particella Mappale 366 Riserva 2015, un grande, grande vino.

Naso tipico dei grandi Merlot, cassis, eucalipto e rabarbaro, con lievi tocchi di geranio.

Spesso ed elegante al palato, con tannini tesi e salati e chiusura iodata e profonda.

FATTORIA DI BACCHERETO-TERRE A MANO

Mi rimetto immediatamente in viaggio per arrivare a Montalbano, pochi chilometri da Carmignano.Qui si dove si trova la Fattoria di Bacchereto-Terre A MANO.

Proprietà della famiglia Bencini Tesi fin dal 1925.

Dal 2002, grazie a Rossella, Marco Vannucci e Adriano Zago, rinasce con un progetto sostenibile tra i più importanti in Italia.

167 ettari dedicati alla biodiversità, boschi, frutteti, castagneti, 60 ettari di uliveto e 8 ettari di vigne, dedicate Trebbiano, Sangiovese, Canaiolo e Cabernet.

Di loro adoro il Bianco Toscano Sassocarlo 2018, un blend perfetto di Trebbiano Toscano e Malvasia, affinato quasi un anno e mezzo in legno grande senza lieviti aggiunti né filtrazione.

Un vino intenso, compatto, dal naso di frutta matura, frutto della passione, pesca dalla polpa gialla, bocca densa,  croccante e di lunghissima persistenza.

Scendo ancora, arrivo a Montepulciano.

CANTINA POLIZIANO

Mi dirigo verso la cantina Poliziano, una delle mie destinazioni preferite in zona.

Il Vino Nobile Di Montepulciano DOCG Asinone 2017 è uno dei migliori ‘nobili’ in commercio.

Nasce da vigneto Asinone, affina 18 mesi in barrique di rovere francese, un vino dal taglio decisamente internazionale ma mai ammiccante, anzi, di grande personalità.

Naso fitto di frutta di sottobosco, mirtilli e more in testa, bocca che brilla per equilibrio, tannini salmastri, grande succosità, bella persistenza e finale su toni balsamici, di ottima persistenza.

Scendo ancora, arrivo fino a Giungano, provincia di Salerno.

CANTINA SAN SALVATORE

Quindi arrivo alla cantina San Salvatore, nella splendida area del Parco Nazionale del Cilento.

La ricerca della qualità senza compromessi li ha portati ad allevare soprattutto territoriali, Fiano, Greco, Aglianico, con un piccolo détour sul Pinot Nero.

Il loro Paestum IGT Fiano Pian di Stio 2019 è memorabile, pesca-noce dalla polpa bianca al naso, tocchi di macchia mediterranea, poi timo cedrino, bocca sapida, croccante, succosa e di grande persistenza.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Poker d’Assi 21

Poker d’Assi 21

Nel Poker d’Assi 21 altri quattro, imperdibili assaggi dell’immenso patrimonio vitivinicolo della nostra splendida penisola.

Poker d’Assi 20

Poker d’Assi 20

Eccomi di nuovo da voi con il Poker d’Assi 20: altri quattro, imperdibili assaggi da provare. Quindi senza indugio mi metto in viaggio.

Pin It on Pinterest

Share This