Un viaggio esperienziale per conoscere l’Italia e il mondo attraverso l’universo del vino

Mission del servizio di sala

Insegna Don Alfonso 1890
A cura di Mario Iaccarino
14 Apr, 2020

Il Don Alfonso 1890 ha rappresentato durante tutta la sua storia un modello di accoglienza tramandato da 5 generazioni, che ha avuto come solo ed unico scopo quello di regalare un momento di felicità all’ospite. Questa mission di fondo si traduce nella pratica nel mettere in atto tutta una serie di comportamenti Guest Oriented che si possono tradurre in un unico grande messaggio…La fabbrica del sorriso!

Al di là delle regole che troverete qui di seguito, il modello che intendiamo esportare in Casa Don Alfonso è quello del senso dell’ospitalità che mette al centro di tutto l’ospite e la sua sacralità.

L’ospite deve essere accolto con grande calore, deve essere assecondato, aiutato nelle sue scelte con la massima disponibilità, l’ospite va letto negli occhi, nei gesti, nei messaggi diretti o intrinsechi.

L’ospite va seguito passo dopo passo durante la sua esperienza nella nostra casa.  Proprio il termine esperienza deve essere la mission di fondo, esperienza emotiva e sensoriale perché solo se facciamo vivere al nostro ospite un’esperienza…di questo genere, possiamo avere chance di colpire il suo cuore; ed è colpendo il suo cuore che lo accompagniamo dolcemente verso la strada della fidelizzazione più profonda del termine.

L’ospite che si porta a casa un pezzettino di noi nel suo cuore diventa improvvisamente il nostro più importante ambasciatore, con ogni suo amico o conoscente, in ogni angolo della terra.

La sacralità dell’ospite si traduce quindi in tutta una serie di attenzioni che noi, rappresentanti di una casa abbiamo l’obbligo di perseguire, nella cura dei dettagli, nel modo in cui ci presentiamo, teniamo alla nostra divisa, ci rasiamo, curiamo le nostre mani i nostri capelli, le nostre scarpe.

L’attenzione verso l’ospite non è solo saper raccontare cosa stiamo servendo bensì l’armonia ed il senso del bello che possiamo trasmettere attraverso i nostri comportamenti e il nostro modo di presentarci.

La sacralità dell’ospite significa essere attenti ai bisogni emotivi, sapendo avanzare o indietreggiare nel grado di confidenza, nella discrezione. La sacralità dell’ospite significa non aspettare che il cliente ci sorrida per sorridere.

La sacralità dell’ospite si traduce in un grande pensiero di cui noi dobbiamo essere i più grandi messaggeri…..io sono felice di essere parte di questa casa e farò tutto quanto è in mio potere affinché anche lei lo sia quando varcherà la porta per andare via, lasciandole dentro solo un grande desiderio…quello di ritornare al più presto!!!

Altri articoli che potrebbero interessarti

Poker d’Assi 49

Poker d’Assi 49

Nel Poker d’Assi 49 ci muoveremo come di consueto per l’Italia alla ricerca di chicche enologiche extra-ordinarie da raccontarvi.

Pin It on Pinterest

Share This