Le enoteche nel turismo moderno

da | 22 Giu 2020 | News

Enoteche

Le enoteche continuano ad aumentare in Italia, sono 7.209 e diventano luoghi di intrattenimento e scoperta assumendo un’importanza decisiva per il turismo

Nel turismo moderno le enoteche hanno un ruolo chiave perché l’esperienza enogastronomica è ormai un must del viaggio. Basti pensare che nel 2006 solo il 17% dei turisti faceva un’esperienza di cibo e vino mentre oggi si tratta del 95%, così come è cresciuta, oltre la metà del totale, la quota di quelli che decidono la destinazione del viaggio in base alle proposte golose che offre (3° Rapporto sul turismo enogastronomico di Roberta Garibaldi).

IL RUOLO DELLE ENOTECHE NEL TURISMO MODERNO

In altre parole la presenza di enoteche che organizzano degustazioni o assaggi combinati di vini e cibi tipici così come la possibilità di scoprire e comprare le bottiglie di piccole cantine eccellenti difficilissime da trovare sul mercato, costituisce un elemento di grande arricchimento della scoperta dei luoghi visitati e un modo di conoscerli più profondamente. Ovviamente questo ha significato un drastico cambiamento delle rivendite di vino dove è ormai molto frequente trovare personale poliglotta e sommelier capaci di trasformare una degustazione verticale in un’esperienza emozionate e arricchita da storytelling.

MENTRE I NEGOZI CHIUDONO LE ENOTECHE APRONO

Un “cambiamento di pelle” salutare e premiato con una crescita numerica delle enoteche che perdono l’aspetto di luoghi di shopping per trasformarsi nel posto in cui trovare nuovi amici e condividere con loro momenti unici legati al vino.  Potrebbe essere questa la ragione dell’aumento, mentre il settore del commercio al dettaglio vive, in Italia, il suo periodo più nero con la chiusura di 14 attività commerciali al giorno nel 2019 per un totale veramente impressionante: -0,4% delle vendite, meno un miliardo di business, meno 32.000 negozi dal 2011.

LE ENOTECHE CRESCONO DI NUMERO DEL 4% IN CINQUE ANNI

Sulle enoteche invece, sembra splendere il sole. La Camera di Commercio di Monza Brianza Lodi e la Coldiretti hanno stimato una crescita del 4% negli ultimi cinque anni. La Lombardia è in posizione leader con 962 negozi di vino dei 7.209  presenti in Italia. Tuttavia non è Milano la capitale dello shopping enoico, bensì Roma con 345 enoteche, seguita da Napoli e infine la capitale meneghina che comunque è l’area in maggior crescita (72% in 10 anni).
Aumentano le enoteche a guida femminile, a riprova dell’innalzamento di numero e di competenze delle donne interessate al vino. Ormai un’enoteca su 4 (26,5% ) ha a capo un rappresentante del gentil sesso.
Meno dinamica l’imprenditoria giovanile e infatti solo l’11% delle rivendite di vino è guidato da un giovane.

Pin It on Pinterest

Share This