Un viaggio esperienziale per conoscere l’Italia e il mondo attraverso l’universo del vino

La riuscita dell’abbinamento

A cura di Alberto Piras
7 Apr, 2020

La riuscita dell’abbinamento cibo-vino reputo che sia importante tanto quanto quella del singolo elemento; sbagliare una delle due componenti potrebbe compromettere la qualità di entrambi.

A scuola abbiamo imparato che esistono due criteri fondamentali di abbinamento: la contrapposizione per i piatti salati e la concordanza per quelli dolci.

Con il lavoro, l’esperienza e l’evoluzione della ristorazione e del gusto (nostro e del cliente finale) possiamo permetterci ora di infrangere, anzi meglio, di applicare queste regole a nuove tipologie di matrimonio cibo-vino.

Giocare su quello che è dolce/salato nel piatto e nel vino per arrivare al risultato finale: l’armonia e l’equilibrio.

Credo molto in queste due caratteristiche e mi piace definirle la base del buon abbinamento. In quello che reputo l’abbinamento perfetto bisogna esaltare le sensazioni organolettiche del cibo e del vino senza che nessuno dei due componenti prevalga sull’altro e possibilmente avere “in bocca” entrambi i gusti.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Poker d’Assi 49

Poker d’Assi 49

Nel Poker d’Assi 49 ci muoveremo come di consueto per l’Italia alla ricerca di chicche enologiche extra-ordinarie da raccontarvi.

Poker d’Assi 48

Poker d’Assi 48

Per il Poker d’Assi 48 mi dirigo verso le pendici dell’Etna, casa da più di vent’anni di Frank Cornelissen, enologo giramondo.

Pin It on Pinterest

Share This