9.5 C
Milano
1 Marzo 2024

La nuova Guida BlueBlazeR 2024 dei bar in un volume unico

Author:

Category:

ADVspot_img

I vincitori

Miglior Bar d’Italia – in collaborazione con Spirito Autoctono: Quantobasta di Lecce

Miglior bartender d’Italia – in collaborazione con Spirito Autoctono: Martina Bonci – Gucci Giardino 25 di Firenze

Miglior Bar d’Hotel d’Italia – in collaborazione con Spirito Autoctono: Aman di Venezia

Martin Miller’s Miglior Martini Cocktail d’Italia: Edoardo Sandri – Atrium Bar at Four Seasons di Firenze

A questi riconoscimenti si sono inoltre aggiunti, per la prima volta:

Premio BlueBlazeR Icona del bar – Walter Bolzonella

Premio Un’Orto al Sal8 – in collaborazione con Sal8 Bar Agricolo: The Balance di Savona

Esce la nuova Guida ai migliori cocktail bar d’Italia di Blueblazer, edizione 2024, il volume che promuove in Italia e all’estero l’alta miscelezione italiana. Si è svolta lunedì 22 gennaio, negli spazi dello storico ex-cinema Goldoni di Firenze, la presentazione della nuova Guida ai migliori cocktail bar d’Italia di BlueBlazeR. L’evento che riunisce gli staff dei locali in Guida, insieme a numerosi rappresentanti degli spirits, ad ospiti internazionali e bar-giornalisti, italiani e stranieri, è stata l’occasione per mostrare, fuori e dentro i nostri confini nazionale, l’orami indiscutibile livello raggiunto dall’alta miscelazione italiana. “La nostra è ormai diventata una festa privata attesa da tutti per il piacere dello stare insieme, in cui puoi bere, rivedendo amici o colleghi, alcuni anche per la prima volta. Mettiamo in contatto per un breve lasso di tempo professionisti che spesso hanno poche occasioni per scambiare una chiacchiera in libertà, fuori da un contesto lavorativo. Un po’ come ritrovarsi in un un grande bar, un bar di BlueBlazeR in questo caso. Una volta tanto siamo noi a sdebitarci con i locali in Guida, che sono tutta la nostra forza, la nostra linfa”, afferma Gaetano Massimo Macrì, co-fondatore della Guida. “Ormai dopo anni abbiamo capito che l’evento funziona anche perché regala il privilegio di godere dei preziosi momenti di libertà. E sono proprio momenti come questi ad essere forieri di progetti e potenziali business. Da un lato presentiamo la Guida, è vero, e per i locali selezionati c’è sempre molta attesa ogni volta, ma, anno dopo anno, l’evento si è settato ogni volta, assumendo i contorni di una festa del bar a 360 gradi. Oltretutto anche questa volta, come facciamo da alcuni anni, invitiamo personalità del settore e giornalisti dall’estero. Un modo per pubblicizzare non soltanto la nostra Guida, ma anche e soprattutto il bar italiano. E quale occasione migliore se non il nostro Gala. E’ una opportunità di crescita per tutti”, racconta Giampiero Francesca, anch’esso co-fondatore di BlueBlazeR. Il tour di città e locali che i fondatori di BlueBlazeR compiono insieme a decine di giornalisti ed esperti internazionali nei giorni precedenti il gala è infatti un unicum mondiale. Quest’anno venti personalità provenienti da quattro continenti e dieci differenti nazioni hanno avuto l’opportunità di conoscere e visitare locali e strutture di due grandi città, Roma e Firenze, ma anche di vivere una giornata alla scoperta della campagna toscana. Un modo nuovo di raccontare il bar come vero e proprio valore aggiunto della proposta turistica italiana. La novità del 2024 – Degna di nota la novità per l’edizione 2024. La Guida è pronta per la distribuzione in tutte le librerie. Il volume cartaceo esce in collaborazione con Spirito Autoctono. Si tratta di un prodotto editoriale contenente tutte le schede dei bar della Guida di BlueBlazeR e altre informazioni, notizie e curiosità sulle aziende di spirits e il mondo del bar in generale. Un volume ricco di contenuti che tratteggia il panorama dei cocktail bar in Italia. Prezioso per gli appassionati e per chi lavora nel settore. Un prodotto che, per qualità dell’informazione, conoscenze e penetrazione del mercato del beverage, rappresenta una traguardo unico e originale in Italia. “Già l’anno scorso avevamo avviato la collaborazione, inserendo nell’edizione cartacea del Touring e Spirito Autoctono i 100 bar storici, i più longevi presenti nella nostra Guida online. Un piccolo premio, un riconoscimento alle realtà più longeve. Il criterio di selezione, dunque, era stato quello, diciamo, cronologico, che dava giustamente soddisfazione ai locali presenti da sempre e che simboleggiano casi di successo in un mercato, come quello del cocktail bar, per nulla facile”, dichiara Giampiero Francesca. “L’idea di uscire col cartaceo la pensavamo da alcuni anni. Non è un mistero. Sempre più bar in Guida ce lo chiedevano. L’anno scorso abbiamo assecondato in parte questo bisogno proveniente ‘dal basso’. L’edizione in parte cartacea del 2023 è stata un po’ una prova. E’ andata bene e quest’anno abbiamo deciso di continuare su questa strada. Inoltre, è un modo per rinnovarci, avere nuovi stimoli, dopo 9 anni, per presentare qualcosa in più. Anche i premi vanno letti in quest’ottica”, sottolinea Macrì.

Cambia il supporto ma non la filosofia. Dopo nove edizioni la Guida di BlueBlazeR continua a offrire un servizio agli amanti del buon bere. “Fin dalla nostra nascita perseguiamo l’obiettivo di parlare a un pubblico di appassionate e appassionati, non soltanto di chi ha già una certa esperienza. Le indicazioni che inseriamo nelle schede sono pensate proprio per gente che non sa, che non conosce il locale di cui legge le informazioni. Forniamo alcuni spunti per incuriosire. Una chiave di lettura per avvicinarsi a un bar. Il resto lo farà il bancone”, continua Massimo Macrì. “Siamo un po’ un filtro. Il cliente entra e chiede di bere un cocktail magari indicato nella guida. E’ successo diverse volte, come ci hanno riferito gestori o proprietari dei ‘nostri’ bar. Questo significa che lo strumento funziona e raggiunge il target che ci siamo proposti. A maggior ragione, allora, da quest’anno lo proponiamo in una veste nuova, col profumo d’inchiostro, che ha sempre il suo fascino”, confessa Francesca. Cosa racconta la Guida – La Guida è di facile lettura, i bar sono divisi per regione e contraddistinti per tipologia: cocktail bar; speakeasy; bistrot; hotel bar. La copertura raggiunge l’intero territorio del Paese. Nessuna regione è esclusa. Lazio (con 56 bar) e Lombardia (53 locali) e Toscana (46) continuano a mantenere il maggior numero di bar, ma ci sono realtà in crescita, come la Liguria (16 strutture menzionate) che ha uno dei più alti rapporti di bar per area geografica. “Sicilia (24) e Puglia (28) si difendono bene. In generale il Sud crediamo sia il territorio in cui crescerà ancora la miscelazione di qualità. La Campania ha perle preziose anche al di fuori di Napoli. Palermo è una realtà molto interessante, che in una grande regione come la Sicilia, dove storicamente Catania da anni mantiene alto il vessillo della cocktail culture, allarga l’offerta e il bacino di utenza”, ammette Massimo Macrì. “Torino è una piazza con realtà di grande livello, non deve temere la vicinanza di Milano, storicamente sofferta. Firenze e la Toscana si confermano una garanzia. E poi continuano a crescere le micro-realtà di piccoli centri. Bar che abbiamo scovato con un lavoro certosino e che anno dopo anno continuano a essere presenti, questo è uno dei motivi che ci riempie di orgoglio”. 

Marco Sutter
Marco Sutterhttps://wineandtravel.it
Editore da sempre e giornalista dal 1999 ha congiunto le due professioni ideando progetti editoriali e dirigendo diverse redazioni ricoprendo il ruolo di Direttore Responsabile e Direttore Editoriale di settimanali e mensili ad alta tiratura nazionale, portando in Italia diversi progetti editoriali quali Food and Travel e altre testate. Ad oggi dirige diverse testate giornalistiche, sia cartacee che digital, ed è il founder/publisher di diversi progetti editoriali ed imprenditoriali nei seguenti settori: food, wine, beverage, travel, hospitality, golf, fashion, luxury, e altri. Mail - marco.sutter@wineandtravel.it

i nostri suggerimenti

Ti potrebbe anche interessare

it_ITItalian
Verified by MonsterInsights