Un viaggio esperienziale per conoscere l’Italia e il mondo attraverso l’universo del vino

I Guerrieri Gonzaga

da | 29 Mar 2020 | Storie di Famiglia

In tutte le storie c’è sempre un momento di svolta.

Per San Leonardo fu alla fine degli anni Sessanta, quando il Marchese Anselmo Guerrieri Gonzaga (1895-1974), agricoltore e appassionato viticoltore, lasciò al figlio Carlo il compito di dare un nuovo volto alla proprietà di famiglia. Molto cambiò nelle vigne dell’azienda trentina: alla pergola furono affiancati il guyot e il cordone speronato e accanto al Carmenère e al Merlot, varietà presenti ormai da decenni se non secoli, furono introdotti nuovi vitigni, primo tra tutti il Cabernet Sauvignon.

Il 1982 fu l’anno della vendemmia zero, quella che produsse il San Leonardo come lo conosciamo oggi. In azienda arrivarono le prime barriques e in cantina si lavorò non più sulla base di uvaggi definiti in vigna ma sull’assemblaggio dei vini deciso dopo mesi di maturazione in legno.

A partire proprio da quell’anno il San Leonardo si impose con decisione tra i nomi di riferimento dell’enologia italiana. Tutto ciò è stato il risultato della determinata convinzione di Carlo Guerrieri Gonzaga che la sua terra avesse caratteristiche così particolari da poter percorrere la strada dell’eccellenza viticola. È stato un rinnovamento radicale quello che ha interessato San Leonardo.

In realtà, ad un primo sguardo, niente sembra essere cambiato rispetto al passato e la proprietà si presenta ancor oggi come un hortus conclusus regolato dai valori del proprio mondo. Ma dietro quel cancello che protegge la tenuta non ci sono più solo campi di mais o di grano o piante di gelso per la coltura del baco da seta. Oggi c’è anche un giardino di vigne impiantate con criteri di grande rigore, i cui filari parlano di cultura del vino.


DA GUERRIERI A VITICOLTORI


Il motto di famiglia recita “Belli ac Pacis Amator” (Amante della Guerra e della Pace):
difficile immaginarlo oggi ma un tempo i Terzi – antico cognome della famiglia – erano
uomini d’arme e tale Niccolò figlio di Ottobono per il valore dimostrato in tante battaglie,
fu detto il “Guerriero”. Cognome cui fu aggiunto nel 1506 quello di Gonzaga in segno di
riconoscenza da parte del Marchese Francesco, signore di Mantova.
Per la presenza della famiglia Guerrieri Gonzaga in Trentino si deve attendere il 1894
quando il Marchese Tullo, nonno di Carlo Guerrieri Gonzaga, sposò Gemma de Gresti,
alla cui famiglia apparteneva da quasi due secoli la grande tenuta di San Leonardo. Fu loro
figlio Anselmo a guardare alla proprietà con nuovo spirito imprenditoriale e a introdurre
grandi cambiamenti animato dalla sua innata passione per l’enologia.

CARLO GUERRIERI GONZAGA

Ma è Carlo Guerrieri Gonzaga il primo vero enologo della famiglia, la sua formazione fu
dettata non solo dalla prospettiva di gestire in prima persona il patrimonio agricolo familiare
ma soprattutto da una viva curiosità per i grandi vini, Bordeaux in primis. Da questo nasce
la sua decisione di studiare enologia a Losanna e approfondire le conoscenze con viaggi di
studio in Francia ed in Toscana. Proprio qui, nella proprietà di San Guido, iniziò la lunga e
proficua consuetudine con Mario Incisa della Rocchetta, che lo introdusse a tutti i segreti
del taglio bordolese e divenne a tutti gli effetti il suo “padrino enologico”.
A San Leonardo Carlo Guerrieri Gonzaga dedica da ormai cinquant’anni la quasi totalità
delle sue attenzioni e del suo tempo. Dal 2001 anche il figlio Anselmo, oggi amministratore
dell’azienda, è impegnato a tempo pieno e come il padre è innamorato di questa terra
trentina, dei suoi orizzonti, delle sue montagne e dei suoi profumi.

TENUTA SAN LEONARDO

Più di mille anni fa era un monastero, da oltre tre secoli è la residenza dei Marchesi
Guerrieri Gonzaga che ne sono appassionati custodi. Oggi la Tenuta San Leonardo
è un giardino di vigne e rose protetto dalle imponenti montagne trentine che
smorzano i freddi venti nordici, mentre il fondovalle accoglie e regala il tepore del
lago di Garda. La Tenuta è un mondo antico dove le pazienti pratiche di cantina,
ancora assolutamente artigianali, regalano vini che sono autentici gioielli dell’enologia
italiana distinguendosi per freschezza, armonia ed un’innata eleganza.

Altre Storie di Famiglia che potrebbero interessarti

Famiglia Simčič

Famiglia Simčič

Un’azienda che risale al 1860 quando Jožef Simčič comprò una fattoria a Medana e cominciò l’attività di viticoltura e di vinificazione.

La Famiglia Boscaini

La Famiglia Boscaini

La sua storia inizia alla fine del XVIII secolo, quando la famiglia Boscaini acquista pregiati vigneti nella piccola valle denominata “Vaio dei Masi”.

Famiglia Enio Ottaviani

Famiglia Enio Ottaviani

Un’azienda agricola nata sessanta anni fa, una squadra in giro per il mondo che racconta territorio e vino lasciando voglia di Emilia Romagna.

Pin It on Pinterest

Share This