Un viaggio esperienziale per conoscere l’Italia e il mondo attraverso l’universo del vino

Ferrari Riserva Bruno Lunelli 2006

A cura di Redazione
10 Nov, 2022

Ferrari Riserva Bruno Lunelli 2006 è il secondo attesissimo millesimo della Riserva che Ferrari Trento dedica al capostipite della famiglia Lunelli è una bottiglia da collezione che diventa anche un NFT 

Ferrari Trento dedica al capostipite della famiglia Lunelli un secondo millesimo del Ferrari Riserva Bruno Lunelli: il 2006, che segna i cent’anni dalla nascita del visionario imprenditore e si presenta come un unicum da collezione. Frutto di un attentissimo lavoro in vigna e in cantina, questa speciale Riserva si distingue per la particolare forma della bottiglia dal fondo convesso ed è inoltre abbinata al primo NFT di Ferrari, candidandosi a diventare la sintesi perfetta dei valori fondanti della Casa.

BRUNO LUNELLI

Da 120 anni Ferrari scrive, infatti, una storia di passione per il territorio trentino e per i suoi vigneti di montagna, le cui pagine più importanti raccontano di una costante innovazione. Una caratteristica che Bruno Lunelli aveva recepito dal fondatore, Giulio Ferrari, e che era stato in grado di trasformare in spirito imprenditoriale, dando il via all’affermazione dell’azienda in Italia e all’estero. Oggi i nipoti di Bruno, terza generazione della famiglia Lunelli, gli rendono omaggio con una grande Riserva, realizzata in soli 6891 esemplari numerati, che entra nel mondo degli NFT (Non-Fungible Token), un certificato di autenticità digitale che attesta l’unicità di ogni bottiglia, grazie alla tecnologia blockchain. 

Dopo un rigoroso lavoro di selezione delle parcelle da cui attingere il miglior Chardonnay, un assemblaggio magistrale e sedici anni di affinamento, il Ferrari Riserva Bruno Lunelli 2006eleva l’asticella della perfezione. Complessa, profonda, matura e al tempo stesso leggera e di lunghissima persistenza, questa bollicina d’autore stringe un legame sottile tra forza e finezza. Complice l’annata 2006, caratterizzata da un’alternanza di eventi atmosferici tanto particolari quanto inattesi, la personalità di questo Trentodoc risulta unica, proprio come quella di chi, coraggiosamente, tracciò la strada dei successi di Casa Ferrari. 

RUBEN LARENTIS

La grandezza di questa bollicina, curata in ogni dettaglio dagli enologi della casa coordinati da Ruben Larentis, è posta in massimo risalto anche dal design particolarmente ricercato che la racchiude, uno scrigno che protegge ed esalta il mito. Ferrari Trento ha infatti concepito forma e contenuto di questa Riserva come vere e proprie opere d’arte in dialogo: ogni bottiglia, dal memorabile fondo convesso, è proposta in un prezioso cofanetto o in 120 cassette in legno da sei bottiglie. All’interno è contenuta una card con QR code grazie al quale è possibile scaricare, attraverso un’esperienza personalizzata e guidata, il proprio NFT che è composto in maniera artistica dal modello in 3D della bottiglia di Ferrari Riserva Bruno Lunelli, abbinato a un pattern grafico. Ogni NFT, in quanto versione digitale collezionabile (digital collectible) della bottiglia acquistata, è unico e diverso nella sua identificazione.

MATTEO LUNELLI

Il Ferrari Riserva Bruno Lunelli è un atto di amore e riconoscenza verso nostro nonno Bruno Lunelli e una sintesi perfetta dei suoi valori e del suo spirito visionario”, afferma Matteo Lunelli, Presidente e AD di Ferrari Trento.  “Con la sua straordinaria espressività e longevità è un Trentodoc fedele allo stile Ferrari e perfetta espressione della viticoltura di montagna del Trentino, ma, allo stesso tempo, fortemente innovativo. A cominciare dalla bottiglia, unica al mondo e disegnata ad hoc, che con il suo fondo convesso richiede di essere movimentata solo a mano in ogni fase della sua creazione. Una provocazione per far sì che sia conservata coricata e servita, com’è d’obbligo, soltanto nel secchiello. L’innovazione si ritrova anche nella presenza di un NFT che garantisce l’autenticità di ogni esemplare numerato”.

Con questo vino, che nasce a 11 anni di distanza dal primo millesimo, il 1995, e vede la luce nel 120esimo anniversario della cantina, Ferrari Trento rinsalda il legame con la sua storia ma continua a guardare al futuro, spingendo sempre più in alto i confini dell’eccellenza.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Poker d’Assi 49

Poker d’Assi 49

Nel Poker d’Assi 49 ci muoveremo come di consueto per l’Italia alla ricerca di chicche enologiche extra-ordinarie da raccontarvi.

Pin It on Pinterest

Share This