Un viaggio esperienziale per conoscere l’Italia e il mondo attraverso l’universo del vino

Famiglie Sacchet Zaccheo

da | 9 Giu 2020 | Storie di Famiglia

Un’icona della Toscana dei grandi vini tenute e cantine in tutti i territori più vocati  e vini delle denominazioni più importanti della regione, Chianti Classico, Vino Nobile di Montepulciano, Brunello di Montalcino.

Carpineto, consolidata azienda vitivinicola toscana, che ha sempre guardato soprattutto allo scenario internazionale, ottenendo risultati da record nell’export, ha rivolto negli ultimi anni sempre più attenzione al mercato e più in generale alla realtà italiana. E ha cominciato a farlo in un momento che ha segnato anche una nuova fase di crescita ed espansione dell’azienda dopo l’ultima tenuta acquisita nel 2015 a Montalcino. 10 ettari di nuovi impianti, tecnologicamente all’avanguardia, nella Tenuta di Montepulciano, 4 ettari nella Tenuta di Gaville.

Dal 1967, quando l’azienda fu fondata, la superficie dei vigneti si è decuplicata, da 20 a oltre 200 ettari, articolati su cinque Tenute o Appodiati. Un corpo vigneti complessivi di straordinaria imponenza.

Tra le top 100 di Wine Spectator, premiata in particolare per alcuni vini icona come il Vino Nobile di Montepulciano Riserva o il Farnito, l’azienda ha una produzione che copre tutti i grandi rossi di questa terra vocata. Parlare di Carpineto significa parlare di declinazione del Sangiovese.

LA STORIA

Era il 1967 quando due ragazzi giovanissimi, Giovanni Carlo Sacchet ed Antonio Mario Zaccheo, 19 anni l’uno, 23 l’altro, uno appena diplomato alla scuola di enologia di Valdobbiadene, l’altro cresciuto nel mondo del vino e dell’agricoltura ma determinato nel ricominciare da zero contando solo sulle sue forze, fondarono la Carpineto col proposito di produrre il migliore Chianti Classico che il “terroir” potesse offrire. Una visione ampia da parte dei due giovani soci e una rivoluzione vera per quei tempi, in cui il risultato universalmente auspicato era la quantità e non la qualità.

Caterina Sacchet
Caterina Sacchet

I due soci e amici, che fin da subito scommisero sui territori più vocati, videro nella Toscana un enorme potenziale, dove poter produrre grandi vini di tradizione applicando le tecniche più all’avanguardia nei processi produttivi, aumentando gli standard qualitativi dell’epoca e tracciando per primi un sentiero. 

Innovatori per vocazione, Sacchet e Zaccheo, insieme alle nuove generazioni, Caterina Sacchet, enologa, Elisabetta Sacchet, Francesca Zaccheo e Antonio Michael Zaccheo, Export Manager, hanno continuato a sperimentare, nel rispetto dei grandi valori storici della Toscana e di una qualità mantenuta su standard molto elevati, con l’obiettivo di tutelare non solo le caratteristiche dei vini ma anche l’ambiente.

Negli anni la Carpineto, che ha mantenuto l’assetto familiare, è cresciuta costantemente fino a diventare un brand dal successo internazionale, affermatasi per l’eccellenza dei suoi prodotti e molto ben posizionata all’estero con un export diretto verso oltre 70 Paesi, Canada e Stati Uniti in testa.

LE LINEE DI PRODUZIONE

Tre sono le linee di produzione e oltre 30 le etichette con una produzione complessiva di 3 milioni di bottiglie. Gran parte della produzione è data da vini delle più prestigiose DOCG della Toscana. Rossi per lo più, Riserve di grande struttura ed estratto, vini estremamente longevi.

Nata 51 anni fa dalla scommessa sui grandi territori vinicoli della Toscana e dal sogno di mettere insieme le 3 denominazioni più importanti della regione, Chianti Classico, Vino Nobile di Montepulciano, Brunello di Montalcino, oggi è una realtà fortemente rappresentativa della migliore Toscana vitivinicola. 

Un’azienda familiare affermata, molto articolata e dalle proporzioni di rispetto: quasi 500 ettari complessivi di proprietà, di cui oltre 200 a vigneto, che si estendono su cinque diverse Aziende denominate Appodiati:  di Montepulciano, di Montalcino, di Gaville, di Dudda e di Gavorrano.

Carpineto, Tenuta Montepulciano
Carpineto, Tenuta Montepulciano

Carisma, stile, grande continuità qualitativa dei vini, riconoscimenti internazionali prestigiosi da scoprire sul territorio, nei vigneti.

Attraverso le 5 Tenute, percorrendo gli oltre 500 chilometri complessivi di filari, vengono in mente le parole del grande enologo umanista Giacomo Tachis “… la grande architettura non sta nell’artificio delle cantine ma nel vigneto”.

Ed è soprattutto in Val di Chiana nell’Appodiato di Montepulciano, cuore moderno dell’azienda, che la vista spazia tra vigneti a perdita d’occhio dall’enorme superficie fogliare su 184 ettari di terreno. 

E l’agricoltura che si pratica qui è un’agricoltura di precisione con macchine e tecnologie di ultima generazione a scarsissimo impatto ambientale, che permette di effettuare trattamenti esclusivamente al bisogno e mirati. Anche per questo l’azienda rappresenta un modello in quanto a sostenibilità. Così come è un modello rispetto all’impronta di carbonio, con vigne e boschi che assorbono molta più CO2 di quanta l’azienda stessa ne produca. E sempre in un’ottica di sostenibilità ambientale va la scelta di alleggerire il peso della bottiglia delle Riserve.

E’ nella Tenuta di Montepulciano che troviamo il vigneto contiguo ad alta densità più vasto d’Italia (65 ettari), il vigneto Camponibbio. La densità media di impianto è di circa 8.000 piante per ettaro che producono vini di grande concentrazione e finezza.

E’ qui, circondata dai vigneti, che è stata da poco completata anche la nuova cantina nei colori della terra, distanziata dall’antico complesso settecentesco.

Tutto intorno un’ampia area verde che digrada su un piccolo, suggestivo lago naturale. Sulla collina un uliveto monumentale di 12 ettari con le classiche varietà toscane, Frantoio, Moraiolo, Leccino e Pendolino, per l’olio extra vergine che l’azienda produce in piccola e qualificatissima produzione da uliveti presenti in tutte e cinque le Tenute.

Edificata secondo i criteri di ecocompatibilità, con materiali per la bioedilizia, la cantina produce energia da fonti rinnovabili in misura maggiore ai propri fabbisogni.

In totale 4.500 metri quadrati suddivisi in tre ambienti, di cui uno ospita i locali per l’elevazione in legno in botti di diversa capacità, uno per la zona più strettamente produttiva per la vinificazione, ed uno destinato all’accoglienza con la zona degustazione ed un ballatoio-salone che affaccia sulla bottaia.

In questo Appodiato, da singoli vigneti, l’azienda ottiene 4 Cru, prodotti solo nelle annate ritenute eccezionali: si tratta dei Vigne degli Appodiati, dalle caratteristiche straordinarie che esaltano le peculiarità di ogni singola microzona. Imbottigliati senza subire alcun trattamento, vengono rilasciati dalla cantina non prima di almeno cinque anni di affinamento in bottiglia. Vere e proprie icone in grado di evolvere lungamente.

E sempre qui, dai vigneti di Montepulciano (86 ettari), Carpineto produce il Vino Nobile DOCG che nel 2015 si è posizionato al 26° posto con un punteggio di 93/100 per l’annata 2010 nella classifica di Wine Spectator dei 100 migliori vini al mondo. L’unica azienda toscana a produrlo nella sola versione Riserva. 93/100 anche per le annate successive, 2011 e 2012.

 L’Appodiato di Montalcino, in posizione privilegiata, a 500 mt sul livello del mare, è uno degli insediamenti più alti della denominazione e più panoramici con la vista che spazia sul centro storico di Montalcino (da cui dista 4 km) e inquadra l’intero perimetro della cinta muraria. Antichi casali in pietra circondati da querce secolari e tutto intorno 53 ettari di terreno di cui 10 di vigneto piantati a sangiovese grosso (3,5 h di Brunello, 5 di Rosso di Montalcino, il resto Sant’Antimo Rosso), un uliveto e un fitto bosco di macchia mediterranea.

La leggera esposizione verso nord, in posizione panoramica e ventilata, dona ai vini di questa Azienda un microclima unico che conferisce al Brunello intensi e complessi profumi, una bella freschezza, eleganza, e grande longevità.

 L’Appodiato di Dudda, sede originaria nel Chianti Classico, è il cuore storico dell’azienda, emblematicamente rappresentato qui anche da un archivio enoico tra i più forniti, con un grande numero di annate storiche. Oltre all’archivio, molto spazio in cantina è dedicato all’elevazione nei legni. Mentre l’affinamento dei vini imbottigliati avviene in una cella sotterranea a temperatura costante che può ospitare fino ad un milione di bottiglie. Il complesso è circondato da 8 ettari di vigneti a Sangiovese del Chianti Classico.

Poco distante, l’Appodiato di Gaville sulla cima di un colle: 65 ettari in uno splendido ambiente pastorale con 13 ettari di vigna e 17 di uliveto. Al centro della proprietà, un’antica costruzione storica con un frantoio. Anche qui, nel sottosuolo, in una cantina, circa 1000 barili di legno piccolo.

 Ci si sposta nell’alta Maremma per l’Appodiato di Gavorrano, con 165 ettari di terreni di cui dieci di vigne piantate a Vermentino, Merlot e Teroldego e cinque ettari di ulivi oltre a seminativi e bosco mediterraneo.

Altre Storie di Famiglia che potrebbero interessarti

Famiglia Masciarelli

Famiglia Masciarelli

Dal 2008, l’eredità progettuale di Gianni Masciarelli, a causa della sua prematura scomparsa, è stata assunta da Marina Cvetic Masciarelli.

La Famiglia Petitto

La Famiglia Petitto

Oggi a conduzione dell’azienda troviamo Ilaria Petitto, sorriso ammaliante, occhi intensi, grande dedizione.

La Famiglia Zorzettig

La Famiglia Zorzettig

La guida dell’azienda oggi è saldamente nelle mani di Annalisa Zorzettig, che ha sempre respirato il profumo del mosto.

Pin It on Pinterest

Share This