Un viaggio esperienziale per conoscere l’Italia e il mondo attraverso l’universo del vino

Famiglia Masciarelli

da | 19 Mag 2020 | Storie di Famiglia

E’ uno dei vanti dell’imprenditoria abruzzese.

“Masciarelli Tenute Agricole”, azienda vitivinicola con sede a San Martino sulla Marrucina, piccolo paese collinare a sud di Chieti, è annoverata tra le realtà più significative e vitali non solo del panorama regionale, ma dell’intera Italia.

Con oltre due milioni e mezzo di bottiglie che costituiscono la produzione annua dell’Azienda, infatti, la famiglia Masciarelli è interprete e ambasciatrice nel mondo dell’eccellenza dei vini abruzzesi, raccogliendo ovunque premi, menzioni e recensioni entusiastiche.

Masciarelli Tenute Agricole è nata sul finire degli anni ’70 dall’intuito imprenditoriale di Gianni Masciarelli, vignaiolo di talento, figura simbolo del panorama enologico italiano e protagonista dell’affermazione della vitivinicoltura abruzzese moderna. In meno di un trentennio, grazie alla tempra e alla dedizione assoluta al lavoro di Masciarelli, l’Azienda si è affermata passando dai meno dei tre ettari iniziali, sino a disporre di numerosi appezzamenti dislocati nelle quattro province d’Abruzzo (Chieti, Teramo, Pescara, L’Aquila), che le consentono di esprimere compiutamente la straordinaria ricchezza in biodiversità e terroir della regione. Fedeli da sempre a una qualità senza compromessi, i prodotti Masciarelli hanno conquistato posizioni sempre più alte nelle valutazioni degli esperti del settore e conquistato l’apprezzamento incondizionato di una schiera di estimatori che hanno fatto di alcune sue etichette dei veri e propri “cult”.

La bottaia
La bottaia

Dal 2008, l’eredità progettuale di Gianni Masciarelli, a causa della sua prematura scomparsa, è stata assunta da Marina Cvetic Masciarelli – compagna di una storia di vita e di vigne, enologa e donna del vino dallo stile inconfondibile – e dalla figlia Miriam Lee Masciarelli.

Va dato merito a Gianni e Marina Masciarelli di aver saputo leggere e accompagnare a maturazione il reale potenziale vitivinicolo di una terra di forti contrasti come l’Abruzzo. Il territorio abruzzese, infatti, è molto vario: un paesaggio aspro, talvolta selvatico, che digrada rapidamente dalla montagna alle colline sino all’Adriatico. Ed è qui, su terreni che a prima vista sembrerebbero non corrispondere all’immagine ideale della viticoltura, non di rado esposti a crude escursioni termiche, che Gianni Masciarelli si è dedicato a coltivare la vite per produrre vini di altissimo livello e personalità, insieme alla moglie Marina Cvetic, alla quale ha dedicato alcune delle sue più importanti etichette.

Masciarelli Tenute Agricole ha saputo così valorizzare e promuovere il patrimonio dei vitigni autoctoni, contribuendo a far entrare il Montepulciano d’Abruzzo nella mappa mondiale della viticoltura di eccellenza. Tuttavia, oltre al Montepulciano, al Trebbiano e al Cerasuolo, all’interno del patrimonio ampelografico dell’azienda hanno trovato posto anche piccole, eccellenti produzioni di vitigni internazionali che hanno conquistato interessanti nicchie di mercato in Italia e all’estero, come il Cabernet Sauvignon, il Merlot, lo Chardonnay e il Syrah Marina Cvetic. La straordinaria varietà di terroir permette di ottenere una lettura unica dei vari vitigni e di interpretare a 360° gradi il territorio regionale. Le attività di Masciarelli Tenute Agricole sono indissolubilmente legate alla terra, dipendendo dai ritmi scanditi dall’alternarsi delle stagioni e dai delicati equilibri della natura. Per questo motivo la protezione dell’ecosistema non replicabile in cui l’Azienda è integrata e che conferisce unicità e valore alle sue produzioni ha un’importanza vitale. Ciò ha spinto Masciarelli Tenute Agricole ad assumere responsabilmente un ruolo attivo nel miglioramento costante delle proprie performance ambientali.

SOSTENIBILITÀ

Oltre a essersi dotata di un proprio sistema di gestione e tutela ambientale certificato ai sensi dello standard ISO 14000:2004, Masciarelli Tenute Agricole ha ottenuto la certificazione EMAS (Eco-Management and Audit Scheme), lo strumento creato dalla UE cui possono aderire volontariamente aziende od organizzazioni che intendano valutare e migliorare le proprie prestazioni ambientali e che, nel contempo, rende disponibili al pubblico informazioni sulla loro gestione ambientale. Si tratta, perciò, di uno strumento essenzialmente dinamico, costruito per stimolare le aziende a valorizzare le loro best practice, ma anche a individuare gli ambiti di ulteriore miglioramento e a lavorare su di essi.

I vigneti

L’impegno di Masciarelli Tenute Agricole a essere sempre più un’azienda green si è già concretizzato nella redazione della Dichiarazione Ambientale disponibile sul sito dell’azienda. Si tratta di un documento che analizza sistematicamente le attività aziendali misurando i risultati ottenuti dalle iniziative volte a ridurre il loro impatto ambientale: dall’ottimizzazione dei consumi di acqua, energia elettrica e termica alla gestione delle varie tipologie di scarti, reflui e rifiuti. 

CASTELLO DI SEMIVICOLI

Il Castello di Semivicoli

Ma Masciarelli Tenute Agricole va ben oltre le proprie, pur eccezionali, produzioni. Masciarelli è soprattutto “territorio”, amore per le proprie radici e comunicazione delle bellezze e dei saperi locali. Un esempio di questo amore lo troviamo a metà strada tra il litorale adriatico e il massiccio della Maiella, aristocraticamente incastonato nel verde delle colline teatine. E’ il Castello di Semivicoli, una realtà che racchiude una dimensione dell’ospitalità, del benessere e del buon vivere oggi sempre più rara. Situato in Contrada Semivicoli, nel comune di Casacanditella (Chieti), il Castello di Semivicoli combina felicemente l’autenticità e il fascino di un’antica dimora patrizia di campagna, la raffinata ecletticità di arredi che giostrano tra tradizione e design contemporaneo e la presenza discreta dei moderni comfort nelle 11 camere e suite a disposizione degli ospiti. Nel 2004, pur consapevoli di assumersi un impegno estremamente gravoso, Gianni Masciarelli e Marina Cvetic decisero di acquistare l’antica dimora patrizia per riportarla all’originario splendore, con l’obiettivo di farne la meta di un turismo alto e raffinato con una forte attenzione all’ecosostenibilità.

La conversione del palazzo baronale in meta di un turismo country alto e raffinato non ha intaccato l’identità dell’edificio. Dal 2010, il Castello di Semivicoli è entrato a far parte di Les Collectionneurs, la prestigiosa community di albergatori, ristoratori e viaggiatori, presieduta dal noto chef francese Alain Ducasse.  Castello di Semivicoli è tra le prime strutture in Abruzzo a poter vantare l’affiliazione a Ecoworld Hotel, un booking engine che in Italia raggruppa strutture con una particolare sensibilità all’ambiente. Tutti i prodotti dedicati agli ospiti e utilizzati come amenities nelle stanze sono biologici, certificati e provengono dall’accurata selezione Ecoworld Hotel. Dal 2017, inoltre, è la prima struttura turistica abruzzese e l’ottava in tutta Italia ad aver ottenuto l’importante certificazione EMAS, sistema comunitario di eco-gestione e audit, a cui possono aderire volontariamente le imprese e le organizzazioni che desiderano impegnarsi nel valutare e migliorare la propria efficienza ambientale. Infine, la sensibilità nei confronti dell’ambiente è testimoniata dalla scelta di materie prime prevalentemente BIO e a Km 0 che non solo rispettano l’ambiente, ma valorizzano il territorio circostante. 

Altre Storie di Famiglia che potrebbero interessarti

La Famiglia Boscaini

La Famiglia Boscaini

La sua storia inizia alla fine del XVIII secolo, quando la famiglia Boscaini acquista pregiati vigneti nella piccola valle denominata “Vaio dei Masi”.

Famiglia Enio Ottaviani

Famiglia Enio Ottaviani

Un’azienda agricola nata sessanta anni fa, una squadra in giro per il mondo che racconta territorio e vino lasciando voglia di Emilia Romagna.

Famiglie Sacchet Zaccheo

Famiglie Sacchet Zaccheo

Era il 1967 quando due ragazzi giovanissimi, Giovanni Carlo Sacchet ed Antonio Mario Zaccheo fondarono la Carpineto.

Pin It on Pinterest

Share This