Diva Moretti Polegato, la determinazione di una millennial

da | 1 Feb 2021 | Confidential, News

Diva Moretti Polegato

Diva Moretti Polegato ha ben chiaro chi è e come raggiungere l’obiettivo che si è prefissata, attraverso una nuova identità fatta di idee, energie positive e nuove sfide. Una giovane donna sicura di se stessa, e della sua solida conoscenza del mondo vinicolo, che porta in giro per il mondo la sua eleganza raccontando il territorio da cui proviene.

Oggi Diva Moretti Polegato è brand ambassador di Villa Sandi Spa, azienda vitivinicola di Crocetta del Montello (Treviso), leader nella produzione di vini e di prosecco Docg e Doc in Veneto e in Friuli, Diva si occupa anche di sociale.  Ha fondato – con due amiche – la  Strawberry Fields Onlus, che raccoglie fondi con l’obiettivo primario di costruire una scuola ad Addis Abeba in grado di garantire ai bambini del luogo i primi quattro anni d’istruzione. In Etiopia Strawberry Fields collabora anche con l’orfanotrofio Abune Endrias di Dire Dawa, frequentato da bambine e ragazze dai 4 ai 18 anni.

CHI È DIVA MORETTI POLEGATO?

Sono nata in una famiglia con una lunga tradizione nella produzione vinicola. L’azienda di famiglia è Villa Sandi, nel cuore dell’area Prosecco, punto di riferimento di quell’area produttiva e prima cantina della provincia di Treviso in termini di export, con oltre 100 Paesi serviti nel mondo. Ho frequentato l’università a Londra, dove sono rimasta a vivere dopo la laurea in Scienze politiche e il diploma di sommelier,  e dove continuo la mia formazione frequentando corsi di wine business e cultura del vino. Avendo quindi come base Londra, collaboro con l’azienda di famiglia come brand ambassador, con focus particolare sui mercati internazionali: UK e USA in particolare, ma anche l’ Asia, mercato ricco di nuove sfide ed opportunità, e la Russia. Partecipando ad eventi, degustazioni, incontri con i clienti e i media internazionali, riesco a trasmettere i valori di una famiglia legata al territorio e di un’azienda le cui radici sono innestate nella tradizione, ma con una prospettiva  internazionale e una forte spinta innovativa: ho creato, grazie a collegamenti on line, un vero e proprio network virtuale in tutta Europa. 

COME DESCRIVERESTI IL TUO PRESENTE?

Attualmente lavoro in remoto e in azienda, perché non si può viaggiare: infatti sono rientrata in Italia a causa della pandemia. Mi sto concentrando su conferenze on line, e-commerce, digital marketing. Credo che come nuove generazioni queste attività siano una nostra responsabilità. E, come tutti in questo momento, aspetto tempi migliori per tornare a girare il mondo.

CHE PROFUMO USI?

“Allende” della collezione “Shooting Stars”, prodotto da Xerjoff di Torino. Un profumo unico, con essenza pura di vaniglia dalla dolcezza moderata e senza un eccesso di sfumature gourmand. Lo adoro. 

COSA TI DICONO PIÙ SPESSO?

Che sono determinata e un po’ testarda. Credo siano delle doti: mi pongo un obiettivo e ci arrivo. 

LA PRIMA COSA CHE FAI AL MATTINO?

Bevo un caffè che mi aiuta a cominciare in maniera subito attiva la mia giornata. 

BRAND AMBASSADOR DI VILLA SANDI. IN COSA CONSISTE IL TUO RUOLO?

Significa vivere quotidianamente a fianco di importatori e distributori per acquisire nuovi clienti e trasmettere la cultura della mia azienda; questo è ciò che faccio anche quando, viaggiando, mi sposto su altri mercati. Cerco di instaurare sempre dei bei rapporti con chiunque per mantenere i contatti vivi.

FIGLIA D’ARTE. QUAL È IL CONSIGLIO CHE TI VIENE DATO PIÙ SPESSO DA TUO PADRE?

Di avere una visione globale dell’azienda. Mi ha insegnato a conoscere ogni singolo reparto di Villa Sandi per avere un’idea solida di tutto il processo produttivo, a non focalizzarmi solo sull’export, ma a fare esperienze su tutti i fronti. 

COSA PENSI ABBIA GENERATO IL SUCCESSO DI VILLA SANDI?

Mio padre Giancarlo – presidente di Villa Sandi – ha avuto un ruolo fondamentale nel promuovere e valorizzare  il Prosecco, sia come vino sia come area di produzione, forte dei vigneti di proprietà in ogni area della denominazione, dalla più vasta e pianeggiante  DOC ai morbidi colli di Asolo alle colline e ai più ripidi pendii di Valdobbiadene  fino al cru del Cartizze. Suo, quindi, il merito di aver creduto nel fenomeno Prosecco, aver investito e usato il Metodo del Mosto Refrigerato che ci ha fatto distinguere e conoscere a livello internazionale. Oggi abbiamo anche concretizzato il nostro sogno di produrre un Prosecco Rosé pensando alle bollicine francesi.

QUAL È IL TUO PIATTO PREFERITO? QUALE DEI VINI DI VILLA SANDI ABBINERESTI?

 Il risotto ai gamberi con la bisque. Lo abbinerei al neonato Prosecco Rosé e al Cartizze La Rivetta. 

SEI MOLTO GIOVANE. HAI MAI AVUTO PAURA NEL TUO RUOLO?

Paura no. Ma giovane e donna nel mondo del vino, universo di impronta da sempre più maschile, non è stato così facile. Però sono sicura di me stessa e della mia solida conoscenza del settore. Questo mi permette di raccontare con facilità ai nostri clienti chi siamo, da quale territorio proveniamo e naturalmente i nostri vini. 

IL TUO SOGNO PIÙ GRANDE?

Spero di riuscire a far crescere ancora Villa Sandi e di rendere orgogliosi di me i componenti della mia famiglia.  Vorrei espandere e applicare le mie conoscenze da millennial a quella che è l’esperienza dei componenti della mia azienda. 

QUAL È OGGI IL RUOLO DELLE DONNE NEL MONDO DEL VINO?

Un ruolo che sta sempre più prendendo piede. Nel mondo del vino ci sono molte donne brave. La donna ha eleganza sia nel produrre che nel raccontare il vino. Le differenze tra i sessi si stanno ormai appianando. C’è stata una vera evoluzione in tal senso. 

UNA DONNA CHE STIMI MOLTO?

Direi Marilisa Allegrini. Mi rivedo molto in lei come promotrice di un territorio. Viaggiando si è creata un’immagine conosciuta anche all’estero. Inoltre mi piacciono molto anche i suoi vini. Voglio anche citare una Master Wine svedese, Madeleine Stenwreth, donna molto in gamba con conoscenze ed esperienze uniche. 

QUALI SONO I TUOI CANTANTI PREFERITI?

Amo la musica italiana e gli intramontabili Venditti e De Gregori. 

UN BRINDISI FIRMATO VILLA SANDI. CON CHI?

Con la mia famiglia. Vivendo lontana da casa, quando li rivedo ho sempre un motivo per brindare con loro.

Pin It on Pinterest

Share This