Un viaggio esperienziale per conoscere l’Italia e il mondo attraverso l’universo del vino

CONFIDENTIAL

Cuori diVini

Accecato d’amore ti stava a guardare

da | 15 Giu 2020 | Confidential

 “Non potrei fare niente se non avessi vicino un marito speciale come lui”.

Questa la prima frase di Dominga Cotarella quando parla di suo marito, un uomo di sostanza, una forte spalla sia per la sua famiglia che per l’azienda Famiglia Cotarella. Una voce calda, in questa intervista, che fa trasparire la sua passione per la moglie e i figli, oltre al profondo rispetto per il suo lavoro e per il suocero che è stato il suo grande maestro. Grande energia e voglia di fare,  Pier Paolo Chiasso non ha paura a mettersi in gioco. Ha appena siglato il nuovo vino rosato, Soré,  e farà molto parlare di sé. Ne sono sicura.

CHI È PIER PAOLO CHIASSO?

Un astemio diventato enologo, cresciuto in un paese a grande vocazione vinicola. La mia famiglia era dedita alla campagna, quindi credo che il mio essere astemio fosse legato al profumo e al gusto tipici dei vini fatti dai contadini. Poi nel mio percorso di vita ho incontrato Dominga, e lì mi sono avvicinato al concetto di un vino realizzato con logica e cura. La cosa mi è piaciuta al punto da indirizzare verso l’enologia tutti i miei studi e la mia formazione.

HAI SPOSATO DOMINGA COTARELLA. DOTI E DIFETTI DI TUA MOGLIE?

Dominga è solarità e umanità. Se devo trovarle un difetto, direi il suo essere troppo istintiva.

COS’È OGGI PER TE IL VINO?

Il mio lavoro, un mondo che mi appassiona, un divertimento.

HAI RAGGIUNTO LA FELICITÀ?

Per me la felicità si raggiunge in famiglia, quindi direi proprio di sì.

SECONDO TE QUAL È il VINO CHE RAPPRESENTA L’AMORE?

Se intendiamo l’amore verso la terra, e il vigneto, direi tutti i vini. Ogni vino richiama l’amore. Se lo intendiamo invece come sentimento verso una donna sceglierei un vino con una buona aromaticità da un lato e un po’ di dolcezza dall’altro. Quindi direi un vino dolce con un po’ di nota di aromatico, ad esempio un Aleatico.

HAI PROGETTI PROFESSIONALI NUOVI?

In questo momento il mio scopo, oltre a curare la parte enologica dei vini di Famiglia Cotarella, è quello di mantenere lo standard e il livello della società di consulenza “Cotarella e Chiasso” a livelli alti.

UNA CANZONE CHE VUOI DEDICARE A TUA MOGLIE DOMINGA?

Non ho dubbi: ” Sei bellissima” di Loredana Berté.

UN SUOCERO CHE SI CHIAMA RICCARDO COTARELLA? DESCRIVIMELO IN POCHE PAROLE.

Lui è lungimiranza, passione e costanza. Mi ha dato incarichi di responsabilità quando non ero nessuno, lui ha la capacità di vedere oltre.

L’ELEGANZA IN UN UOMO COS’È SECONDO TE?

È il saper stare con semplicità e serenità all’interno di qualsiasi abito.

TI REPUTI UN UOMO ELEGANTE?

Sono un uomo che cerca di curare anche l’aspetto fisico, credo sia fondamentale.

QUAL È IL TUO PIATTO PREFERITO?

Amo la pasta e adoro gli spaghetti al pomodoro.

COSA TI AUGURI PER I TUOI FIGLI?

Innanzitutto la salute, poi che studino e che possano fare ciò che gli piace. Se poi quello che gli piace coincide con gli interessi della famiglia è il massimo… Tramandare l’azienda di famiglia ai propri figli  è quasi un dovere per me, un elemento importante di cui bisogna sempre avere rispetto.

UN AUGURIO CHE VUOI FARMI PER WINE AND TRAVEL?

Di poter proseguire sulla strada che hai avviato, portando nel mondo la luce, la bellezza, il buon vivere e il buon vino italiano.

Pin It on Pinterest

Share This